Tag Archives: Madrine

COMPLIMENTI!

…accompagnato da un GRANDE APPLAUSO a Madrina Neysi e Madrina Ingrid. Due donne forte, che hanno raccolto i frutti dei loro grandi sforzi.
Neysi, dopo aver completato la sua carriera professionale come insegnante 2 anni fa, si è dedicata ad altri studi. Cosi il 22.12.2018 ha conseguito il diploma aggiuntivo come insegnante, specializzata in scienze sociali. Neysi, ti ammiriamo, come sei riuscita a superare questo lungo cammino educativo di 7 anni, anche se hai dovuto superare molti ostacoli. Con grande rispetto, apprezziamo l’impegno che hai mostrato per superare tutti gli ostacoli e raggiungere i tuoi obiettivi.
Cosi anche Madrina Ingrid. Lei si è data una spinta 5 anni fa e ha iniziato a studiare psicologia. Lavorare al 100%, avere la famiglia, frequentare l’università ogni sabato, fare i compiti e fare tutto bene non era certo una passeggiata. Soprattutto nella fase finale durante il corso di titulature con 2 moduli. Il 3.12.2018, Ingrid ha, con grande sollievo preso in consegna il suo Diploma in Psicologia.
Due meravigliosi esempi che confermano che è «NON È MAI TROPPO TARDI”.
(Priska Buchmann Scherer)

 

E ‘davvero mai troppo tardi…

Con questo post voglio condividere con voi, l’esperienza più importante, che ho fatto negli ultimi 4 anni con la Los GUSANITOS Tamarindo.
Quando ho iniziato presso i GUSANITOS non potevo immaginarmi che un giorno avrei completato le scuole secondarie. Ma nonostante la mia condizione di madre single di due dolcissimi bambini, finalmente quest’ anno cela farò. Guardando indietro, devo dire che non è sempre stato facile portare tutti i miei doveri sotto lo stesso tetto, del resto, era per adempiere i miei doveri di madre, percepire la mia responsabilità come Madrina di 14 figli adolescenti come anche studiare per la scuola. Ma dopo tutto, posso sicuramente dire  SI, tutti questi sforzi hanno dato i loro frutti. Ora con impazienza aspetto l’ora della mia laurea, che poi celebrerò in grande stile, perché questo aprirà tante porte per la mia carriera futura. Al momento non ancora a che livello affrontare i prossimi studi, mi affascina l’idea di prender la direzione per avvocato come anche economia aziendale o commercialista, ma comunque mi rimango ancora circa 6 mesi per prendere la decisione definitiva.
Questo successo non è solo grazie ai miei sforzi, ma anche di Dio e Priska. Lei mi ha offerto l’occasione e mi ha dato in tutti questi anni il suo appoggio incondizionato, per la quale Le esprimo il mio ringraziamento speciale.
(Catalina del Socorro González)



«Non fermare mai l’intelletto di un bambino…

…lascia libero sfogo  alla suo fantasia, così vedrai l’innocenza in esso e godi con un grande piacere».
Un pensiero che ho capito adesso. Questo pensiero si è ancorato nella mia testa come parte di quello che ho imparato in questa piccola casa. Tre anni fa, ho iniziato questo lavoro da giovane ragazza, questo senza alcuna esperienza e senza la minima idea, come trattare con pazienza bambini, che si trovano in situazioni molto difficili della vita. Durante questo periodo sono stata testimone del fatto, come noi adulti possiamo imparare dai bambini, e non solo loro da noi. A volte può sembrare un gioco da ragazzi tenere il passo con il ritmo dei bambini, ma non è cosi semplice come sembra. I miei piccoli GUSANITOS mi hanno insegnato, che sono sempre le loro energie che si esauriscono per ultimo. E se non ci sono giochi a disposizione, in un lampo mettono inizio alla loro inventiva, per inventare un qualsiasi gioco. Anche se le circostanze nelle loro case sono difficili, guardano sempre con molto ottimismo nel futuro, perché per loro è più importante godersi la loro infanzia innocente con gioia e esuberanza. Naturalmente, non è sempre solo gioco e ridere, perché a volte è anche necessario rimproverare o correggere i nostri bambini. Tuttavia, tali situazioni, non hanno in alcun modo offuscato la fiducia e l’affetto, che hanno messo in noi.
Nostri GUSANITOS, queste piccole personcine che ogni giorno riempiono la nostra casa di gioia, mi hanno aperto gli occhi, che non siamo solo circondati da fiori e cuori. Mi hanno insegnato di godermi i momenti di risate, a sopravvivere i momenti di dolore e in ultimo ma non meno importante, mai rinunciare ai miei sogni.
Per i nostri bambini sono stata insegnante per sostenerli negli studi, incoraggiargli e dargli una mano quando erano tristi, un infermiera quando erano malati, e molto altro ancora. Non dimenticherò mai i momenti, in quale che con una parrucca e un naso rosso mi trasferivo in señorita Florecita, solamente per gioire dei loro volti con ampi di sorrisi e gli occhi lucidi. Porterò per sempre tutti nel mio cuore, dal più piccolo al più grande bambino, perché ognuno di loro mi ha dato una grande lezione sulla strada:
Non importa in quale situazione spiacevole, o con che problema ti trovi, è fondamentale, di non rinunciare mai al bambino che hai dentro di te. Il mondo degli adulti, spesso costituito da un groviglio di infiniti grovigli e confusione e non può e non deve essere, che i bambini devono pagare per questi errori.
(Andrea Pacheco)
Andrea_2

Con queste parole, la nostra Madrina Andrea ci saluta dopo tre anni di servizio da noi, per svilupparsi nella sua carriera. Da una parte, una conseguenza logica e desiderata dal nostro programma di incoraggiamento «non è mai troppo tardi», d’altra parte ha colpito fortissimo le nostre emozioni , quando poi arriva veramente il momento. Ecco perché lasciamo, con molta riluttanza, andare la nostra Andrea con un occhio che ride e un occhio che piange. Ma in realtà, non ci lascia davvero, perché con il suo modo di lavorare incomparabile, ci lascia la sua propria aura personale, che non tramonterà mai.
Cara Andrea, per il futuro ti auguriamo tanto successo nel tuo percorso sia professionale che personale e soprattutto, per nessuna ragione abbandonare i tuoi sogni. Siamo sicuri, che ci rivedremo presto ad uno dei tuoi prossimi concerti. A parte che tra pochi anni anche noi faremo parte dei clienti abituali nella tua farmacia propria, 😉
(Priska Buchmann)
Andrea_1

Ciò che mi commuove…

…di più come Madrina, sono gli scenari calorosi di benvenuto e addio dei miei bambini (abbracci e baci), sia quando vanno via dal centro che quando tornano a casa dopo la scuola.
Mi fa un immenso piacere giocare con loro. Di tanto in tanto, sfrutto queste opportunità, per prendergli in giro, per osservare il loro stato d’anima, vedere se cadono ancora in una collera per delle sciocchezze. Li guardo con attenzione durante il tempo che si servono il pranzo e in seguito come lavano il loro piatto, e ogni volta mi stupisco del loro senso del dovere, anche se non sono molto grandi.
Le lezioni di recupero scuola, con i nostri pulcini mi dà un compenso speciale, perché li cantiamo, dipingiamo e giochiamo di tutto cuore.
Spesso mi viene da sorridere osservando i bambini irrequieti, durante la meditazione, soprattutto di quelli che hanno più la tendenza per birichinate e scherzi, che l’umore per meditazione.
Mi piace tantissimo giocare a «pappagallo»  con i miei bambini, perché in questo gioco, non un occhio rimane secco di lacrime di risate e mi riempie di gioia vedere che anche nei volti più tristi si riflette puro piacere e gioia.
(Madrina Neysi)


Come Madrina sono felice…

…di interagire con i miei bambini, e di condividere le loro gioie e dolori. In generale mi piace moltissimo stare insieme a tutti nostri bambini, anche se il mio compito si limita a badare ai nostri «bambini grandi». Naturalmente ho un contatto molto stretto con i bambini che sono alle mie cure, e ognuno di loro riempie le mie giornate con le loro marachelle, le buone idee e profonde discussioni.
Li ammiro per il modo in cui si sforzano ogni giorno di essere studenti ancora migliori, pronti e disposti ad accettare le buone maniere, e che nei loro giochi cercano sempre di integrarmi. Capisco il mio lavoro come una meravigliosa ed arricchente esperienza, perché giorno per giorno imparo a conoscere meglio i miei bambini
.
(Madrina Catalina)